Una ricerca condotta dal Centro Genoma dell’università di Washington ha stabilito che l’orangotango, separatosi dall’uomo circa 14 milioni di anni fa da un comune antenato, condivide con noi il 97% del suo codice genetico. Oggi sono 50mila gli esemplari del Borneo e 7mila quelli di Sumatra, che vivono allo stato selvaggio, numeri che diminuiscono spaventosamente, giorno dopo giorno, a causa della deforestazione.

Chi di noi, nel vedere documentari dedicati a questo meraviglioso esemplare, non è rimasto impressionato dal suo comportamento quotidiano, così simile al nostro. La postura, l’istinto, la manualità sono soltanto alcune delle caratteristiche che rendono lo scimpanzé l’animale più “vicino” all’uomo…

Il caldo di questi giorni va combattuto in qualche modo e, se gli animali del Bioparco di Roma mangiano frutta ghiacciata, c’è chi ha pensato ad un’altra soluzione…



Dallo zoo di Tokyo arrivano straordinarie immagini, che hanno fatto in breve tempo il giro del web e che hanno reso il suo protagonista una vera star: un orangotango, vittima del caldo afoso di questi ultimi giorni, ha pensato bene di trovare frescura, bagnando in una piccola fontana lo straccio, che custodisce gelosamente. Si asciuga la fronte, ribagna il panno, lo strizza più e più volte, stendendolo sul viso, girandolo tra le mani e appoggiandolo sulle spalle, rituale che ripete ogni volta che ne ha bisogno. Il piccolo orango, che gli gira intorno, tenta di sottrargli lo straccio, ma l’adulto non ha affatto intenzione di cederlo, anzi arriva persino ad utilizzarlo per asciugare l’acqua dalle pietre. Un comportamento straordinario, che incuriosisce, fa sorride e persino commuovere.



La sopravvivenza degli orango, come di altri esseri viventi, viene messa quotidianamente a rischio dal nostro di comportamento: l’uomo, contro ogni legge della natura, è arrivato a distruggere ciò che dovrebbe preservare, fin quando sarà la sua stessa vita ad essere messa in pericolo.

Gli scienziati di Washington assicurano che, seppure la deforestazione dovesse dilagare a macchia d’olio, la “diversità genetica”, che garantisce la conservazione della specie, permetterà agli orangotango di sopravvivere: rinchiusi negli zoo.

Possiamo intenerirci guardando questo video, ridere, mostrarlo ad amici e parenti, scherzarci su ma, aldilà delle immagini, meditiamo.


Lo scimpanzé dello zoo di Tokyo si asciuga la fronte per il caldo [VIDEO] | Fanpage