Benvenuto su Tartarugando, il forum tematico specializzato nell'allevamento di tartarughe e di altri rettili.
REGISTRATI per entrare a far parte della nostra community! Ti aspettiamo!
Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12
Risultati da 16 a 22 di 22
Like Tree13Likes

umidità incubatrice

Discussione sull'argomento umidità incubatrice contenuta nel forum Tartarughe Terrestri Mediterranee, nella categoria Tartarughe Terrestri; Premesso che io sono per l'incubazione naturale ma sono d'accordissimo con quanto scrivi infatto se si decide di incubare le ...

  1. #16
    Turtle advisor
    L'avatar di lucio78
    Località
    Marche
    Sesso
    Messaggi
    5,184
    Discussioni
    36
    Like ricevuti
    2116
    Data Registrazione
    May 2012
    Tartarughe in possesso

    Testudo hermanni hermanni

    Predefinito Re: umidità incubatrice

    Premesso che io sono per l'incubazione naturale ma sono d'accordissimo con quanto scrivi infatto se si decide di incubare le uova artificialmente allora tanto vale farlo nel migliore dei modi o almeno provarci cercando di ottenere i migliori risultati sia in termine di schiuse, che di sesso che in termine di salute. Sull'andamento sinusoidale delle temperature sicuramente è correttissimo, questo spiega anche come generalmente i piccoli nati naturalmente sia più a loro agio sin da subito all'aperto rispetto a quelli nati artificialmente sopratutto per la preparazione ed il periodo del pre-letargo ed il letargo stesso.
    A questo punto mi chiedo se segui un andamento simile anche per l'umidità visto che in natura di notte rispetto al giorno se non sbaglio dovrebbe essere sicuramente più alta.
    Interassante l'articolo da te indicato sai dove è possibile reperirlo? Sicuramente per "movimenti" si intende piccolissimi spostamenti quasi millimetrici all'interno dell'uovo.
    Per la fase finale di schiusa spostando le uova nell'altra incubatrice opti anche ad aumentare l'umidità portandola a 90% falicitando così in teoria la schiusa?
    Alla fine la verità è che questi piccoli animali “solo se riesci a conoscerli riesci anche ad amarli”.
    Le tartarughe ci insegnano "andiamo piano, non serve correre basta solo partire in tempo" !!!!

    http://i.imgur.com/G15sNzq.png?1
    Lucio78

  2. #17
    Assiduo
    L'avatar di tartamau
    Località
    Toscana
    Sesso
    Messaggi
    617
    Discussioni
    11
    Like ricevuti
    875
    Data Registrazione
    Sep 2011
    Tartarughe in possesso

    Testudo hermanni, Testudo graeca e Testudo marginata

    Predefinito Re: umidità incubatrice

    Ti sembrerà strano, ma in terra l'umidità non varia tra giorno e notte, al limite in modo trascurabile. In incubatrice invece varia in funzione della temperatura e delle uova presenti, dunque richiede anche un controllo negativo. Non è necessario intervenire con umidità differenti per la schiusa. Ricorda che il bianco ha funzione igroscopica e serve al tartarughino per mantenere un corretto grado di umidità di solito quando nell'ambiente esterno è carente. Aumentarla fa si che esso si imbibisca eccessivamente di acqua e l'uovo si allaghi causando la morte del piccolo. Lo scorso anno con umidità che alla schiusa non riuscivo a controllare ed arrivavano al 90%, ho perso molti piccoli di terrestris. Essi infatti vivono in climi più secchi e dunque la capacità del bianco di assorbire l'umidità esterna è elevatissima ed in condizioni di elevata umidità provoca l'allagamento dell'uovo.
    Se ne deduce che, nel caso delle Testudo, meglio non aumentare l'umidità... In natura è vero che i piccoli nascono con i primi acquazzoni, ma è altrettanto vero che sono già usciti dall'uovo e sono semplicemente in attesa delle piogge.

  3. #18
    Turtle advisor
    L'avatar di lucio78
    Località
    Marche
    Sesso
    Messaggi
    5,184
    Discussioni
    36
    Like ricevuti
    2116
    Data Registrazione
    May 2012
    Tartarughe in possesso

    Testudo hermanni hermanni

    Predefinito Re: umidità incubatrice

    Citazione Originariamente Scritto da tartamau Visualizza Messaggio
    Ti sembrerà strano, ma in terra l'umidità non varia tra giorno e notte, al limite in modo trascurabile. In incubatrice invece varia in funzione della temperatura e delle uova presenti, dunque richiede anche un controllo negativo. Non è necessario intervenire con umidità differenti per la schiusa. Ricorda che il bianco ha funzione igroscopica e serve al tartarughino per mantenere un corretto grado di umidità di solito quando nell'ambiente esterno è carente. Aumentarla fa si che esso si imbibisca eccessivamente di acqua e l'uovo si allaghi causando la morte del piccolo. Lo scorso anno con umidità che alla schiusa non riuscivo a controllare ed arrivavano al 90%, ho perso molti piccoli di terrestris. Essi infatti vivono in climi più secchi e dunque la capacità del bianco di assorbire l'umidità esterna è elevatissima ed in condizioni di elevata umidità provoca l'allagamento dell'uovo.
    Se ne deduce che, nel caso delle Testudo, meglio non aumentare l'umidità... In natura è vero che i piccoli nascono con i primi acquazzoni, ma è altrettanto vero che sono già usciti dall'uovo e sono semplicemente in attesa delle piogge.
    Grazie per la delucidazione. Quindi come pensavo ed in effetti avevo letto non serve durante l'incubazione un tasso di umidità elevato ma anche intorno a 70% dovrebbe andare bene così come anche alla schiusa.
    Strano che in fase di schiusa quindi a pochi giorni dall'evento un tasso di umicità così elevato abbia compromesso le uova. Ma la tua spiegazione d'altronde è chiara.
    Quindi dici che in natura le pioggie e quindi l'aumento stesso di umidità non rende più facile la schiusa ovvero la rottura dell'uovo da parte del piccolo in quanto ammorbidisce la parete esterna dell'uovo?!
    Alla fine la verità è che questi piccoli animali “solo se riesci a conoscerli riesci anche ad amarli”.
    Le tartarughe ci insegnano "andiamo piano, non serve correre basta solo partire in tempo" !!!!

    http://i.imgur.com/G15sNzq.png?1
    Lucio78

  4. #19
    Assiduo
    L'avatar di tartamau
    Località
    Toscana
    Sesso
    Messaggi
    617
    Discussioni
    11
    Like ricevuti
    875
    Data Registrazione
    Sep 2011
    Tartarughe in possesso

    Testudo hermanni, Testudo graeca e Testudo marginata

    Predefinito Re: umidità incubatrice

    L'acqua ammorbidisce solo la terra! Lo sai quante volte a fine estate ho frugato nei nidi che avevo visto ed ho sempre trovato i piccoli nati ma fermi in attesa delle piogge? In terra, ricorda che anche se appare asciutta, l'umidità è sempre molto elevata...

  5. #20
    Appassionato
    L'avatar di tartuca13
    Località
    Catania
    Sesso
    Messaggi
    224
    Discussioni
    23
    Like ricevuti
    51
    Data Registrazione
    Jul 2012
    Tartarughe in possesso

    2 geochelone carbonaria

    Predefinito Re: umidità incubatrice

    ciao tartamau, mi chiedo se usi lo stesso trattamento per uova di tartarughe esotiche che non vanno in letargo!! Grazie

  6. #21
    Turtle advisor
    L'avatar di lucio78
    Località
    Marche
    Sesso
    Messaggi
    5,184
    Discussioni
    36
    Like ricevuti
    2116
    Data Registrazione
    May 2012
    Tartarughe in possesso

    Testudo hermanni hermanni

    Predefinito Re: umidità incubatrice

    Citazione Originariamente Scritto da tartamau Visualizza Messaggio
    L'acqua ammorbidisce solo la terra! Lo sai quante volte a fine estate ho frugato nei nidi che avevo visto ed ho sempre trovato i piccoli nati ma fermi in attesa delle piogge? In terra, ricorda che anche se appare asciutta, l'umidità è sempre molto elevata...
    Ok capisco.
    Probabilmente in terra l'umidità tocca anche punte alte tipo 90% se non oltre ma per brevi periodi che non compromettono lo sviluppo dell'uovo logicamente fondamentale che il terreno sia adatto soprattutto che abbia un ottimo drenaggio.

    - - - Aggiornato - - -

    Citazione Originariamente Scritto da tartuca13 Visualizza Messaggio
    ciao tartamau, mi chiedo se usi lo stesso trattamento per uova di tartarughe esotiche che non vanno in letargo!! Grazie
    Che io sappia Tartamau non alleva esotiche ma solo Testudo mediterranee.
    Probabilmente comunque già guardare nelle zone di provenienza il clima e l'habitat nel periodo delle deposizioni in natura potrebbe aiutare a definire o a farsi un idea dei parametri corretti di incubazione delle uova.
    Logicamente chi ha esperienza decennale nelle specie esotiche potrà consigliare i valori ed i parametri ideali per ogni specie.
    Sono comunque curioso di sapere tartamau che ne pensa visto comunque la sua conoscenza generale ed ampia sulle tartarughe.
    Ultima modifica di lucio78; 23-05-2014 alle 15:39
    Alla fine la verità è che questi piccoli animali “solo se riesci a conoscerli riesci anche ad amarli”.
    Le tartarughe ci insegnano "andiamo piano, non serve correre basta solo partire in tempo" !!!!

    http://i.imgur.com/G15sNzq.png?1
    Lucio78

  7. #22
    Assiduo
    L'avatar di tartamau
    Località
    Toscana
    Sesso
    Messaggi
    617
    Discussioni
    11
    Like ricevuti
    875
    Data Registrazione
    Sep 2011
    Tartarughe in possesso

    Testudo hermanni, Testudo graeca e Testudo marginata

    Predefinito Re: umidità incubatrice

    Come ha già risposto Lucio78, io allevo solo Testudo mediterranee. Ma anche tra queste i valori di umidità possono essere leggermente differenti. Per fare un esempio, boettgeri ed hercegovinensis hanno bisogno e tollerano umidità anche molto elevate senza grossi problemi, le marginata si trovano in un ambito intermedio ma vicino alle Thh, mentre le graeca ibera si trovano a valori inferiori. Ovviamente si parla di differenze di circa 10% di umidità relativa ed i range ottimali si intersecano rendendo possibile in una situazione di compromesso poco al di sotto del 80% di UR l'incubazione di tutte queste specie senza problemi e con ottimi risultati. Discorso differente per esempio con le Tg terrestris che hanno invece esigenze di umidità e caratteristiche intrinseche nell'uovo una maggior capacità di sequestrare umidità dall'ambiente esterno e dunque minore tolleranza agli eccessi di umidità. Dalle osservazioni che sto portando avanti, posso dire che il 77% +-5% è un ambito sicuro ed ottimale per tutti gli animali che vivono nel mediterraneo, nord africane comprese.

    Dimenticavo, in un periodo di incubazione che nelle Testudo è circa il terzo medio (in un teorico periodo di 60gg parliamo tra il ventesimo ed il quarantesimo giorno di incubazione), le uova scambiano attivamente con l'ambiente esterno. Personalmente la cosa diviene evidente quando ti accorgi che l'umidità relativa, fino a quel momento abbastanza stabile, va ad aumentare... E qui diviene fondamentale la possibilità di ridurla efficacemente.

    Vorrei poi far notare una cosa elementare ma che non è scontata. A parità di volume, ha migliori capacità di mantenere il giusto grado di umidità e di non disperderlo le uova che più si avvicinano alla forma sferica, mentre quelle allungate, avendo una maggior superficie in rapporto al volume, hanno certamente un range ottimale più ristretto. Per completezza, uova più grandi hanno poi di conseguenza un miglior rapporto volume superficie.

    Riguardo alle esotiche, eccezion fatta per quelle specie palustri o semi palustri come le tartarughe a scatola, le necessità di umidità sono paragonabili alle nostre Testudo. Diciamo che tra il 70%-80% siamo nelle condizioni ottimali per tutte. Va però fatto un grosso distinguo. Solitamente queste uova hanno un periodo di incubazione che sfiora l'anno, al contrario delle Testudo che devono sfruttare le condizioni estive per l'incubazione, spesso vanno incontr a diapausa (sospensione della crescita) fin quando le condizioni non sono ottimali, ed incontrano solitamente due stagioni, quella secca e quella umida. Nella progettazione del mio termoigrostato, sono stati previsti 4 differenti programmi in modo tale che nel caso delle esotiche in corrispondenza di periodi che in natura sono differenti, si possa intervenire impostando fluttuazioni di temperatura ed umidità che ricreino ciò che avviene in natura anche nelle regioni tropicali. Infatti il dispositivo sono due anni che schiude con successo le uova della più rara tartaruga al mondo, la Astrochelys yniphora.
    Ultima modifica di tartamau; 23-05-2014 alle 16:22
    tartuca13, king and lucio78 like this.

Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •