Benvenuto su Tartarugando, il forum tematico specializzato nell'allevamento di tartarughe e di altri rettili.
REGISTRATI per entrare a far parte della nostra community! Ti aspettiamo!
Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12
Risultati da 16 a 18 di 18
Like Tree4Likes

fondo per sternotherus

Discussione sull'argomento fondo per sternotherus contenuta nel forum Indoor, nella categoria Allestimenti; Originariamente Scritto da wally fila grazie ne terro' conto anche se mi piacerebbe una cosa meno artificiale, ma da quello ...

  1. #16
    Contributor Mod
    L'avatar di gibo
    Località
    Brescia/Franciacorta
    Sesso
    Messaggi
    3,603
    Discussioni
    77
    Like ricevuti
    1814
    Data Registrazione
    Jun 2014
    Tartarughe in possesso

    1.2 Sternotherus odoratus 2.2 Sternotherus carinatus
    Altri rettili in possesso

    ho posseduto: Bufo alvarius Pleurodeles Waltl

    Predefinito Re: fondo per sternotherus

    Citazione Originariamente Scritto da wally fila Visualizza Messaggio
    grazie ne terro' conto anche se mi piacerebbe una cosa meno artificiale, ma da quello che che ormai mi dite tutti mi complicherei solo la vita rendendo la vita alle tarte forse anche piu' sgradevole........ devo ancora riflettere molto......
    quella è una vasca a "bassa manutenzione" che tengo in garage, dove ho preferito la semplicità, la facilità di manutenzione all'estetica totalmente naturale, pur creando un habitat funzionale.
    Se avessi avuto certezza sulle temperature invernali del garage, avrei fatto lo stesso per le sternotherus... preferendo la praticità di manutenzione... l'estetica naturale la ricerco nel laghetto esterno (vedi mie foto in area outdoor).
    Ora le sterno le ho in un acquario in casa "low cost" (ripeto, se ero certe che le temperature in garage erano ok facevo un vascone in polietilene) dove ho ricreato un'estetica molto naturale e "wild", con molte piante ma nessuna radicata nel substrato, ma pothos e syngonium in idrocolutura, ceratophyllum che riempie la vasca ma non ha radici, e piante galleggianti (azolla, pistia, phillantus fluitans...).
    In questo modo hai l'estetica naturale ma il fondale non ha piante radicate, vuol dire poter sifonare, lasciare che le tarte scavino, poter spostare gli arredi, inoltre il filtro esterno a seconda di come lo posizioni può spostare la sabbia creando avvallamenti.
    Infine se qualche pianta non regge, o qualcuna cresce troppo e devi fare una potatura, in 3 minuti le levi con le mani e fai il lavoro.
    Secondo me è una soluzione "naturale" ma al contempo pratica.
    In fiera ho visto diversi kinosternidi adulti di taglia massima, probabilmente catturoni, immaginando le mie che raggiungono quella taglia conservando il loro istinto a scavare... direi che un acquario con piante radicate durerebbe forse una settimana...

  2. #17
    Fedelissimo
    L'avatar di Akumal
    Località
    Mazara del Vallo
    Sesso
    Messaggi
    1,531
    Discussioni
    21
    Like ricevuti
    1091
    Data Registrazione
    Mar 2013
    Tartarughe in possesso

    Claudius angustatus 1.1.0
    Altri rettili in possesso

    Meglio di no...casa mia è già abbastanza wild!!!

    Predefinito Re: fondo per sternotherus

    Non sempre però le tarte in cattività raggiungono le dimensioni delle wild...
    L'uomo deve mostrare bontà di cuore verso gli animali, perchè chi usa essere crudele verso di essi è altrettanto insensibile verso gli uomini.

    Immanuel Kant


    Andrea




  3. #18
    Contributor Mod
    L'avatar di gibo
    Località
    Brescia/Franciacorta
    Sesso
    Messaggi
    3,603
    Discussioni
    77
    Like ricevuti
    1814
    Data Registrazione
    Jun 2014
    Tartarughe in possesso

    1.2 Sternotherus odoratus 2.2 Sternotherus carinatus
    Altri rettili in possesso

    ho posseduto: Bufo alvarius Pleurodeles Waltl

    Predefinito Re: fondo per sternotherus

    Citazione Originariamente Scritto da Akumal Visualizza Messaggio
    Non sempre però le tarte in cattività raggiungono le dimensioni delle wild...
    sì d'accordo, però ribaltano tutto già adesso che sono giovanissime...
    oltretutto oggi ho notato un notevole diradamento delle piante galleggianti, specie l'azolla caroliniana.
    per adesso si mangiavano la lemna, ma la azolla la lasciavano stare.
    temo che consumata tutta la lemna, si siano fatte "di bocca buona" e abbiano cominciato a cibarsi di azolla...
    Akumal likes this.

Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •