Benvenuto su Tartarugando, il forum tematico specializzato nell'allevamento di tartarughe e di altri rettili.
REGISTRATI per entrare a far parte della nostra community! Ti aspettiamo!
Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12
Risultati da 16 a 19 di 19
Like Tree15Likes

Tartaruga terrestre allevata tutto l'anno in terrario?

Discussione sull'argomento Tartaruga terrestre allevata tutto l'anno in terrario? contenuta nel forum Tartarughe Terrestri Esotiche, nella categoria Tartarughe Terrestri; grazie a tutti per i consigli.mi date una risposta a quello che vi sto per dire?una tartaruga in natura ha ...

  1. #16
    Simpatizzante
    L'avatar di rag¨
    LocalitÓ
    cosenza
    Sesso
    Messaggi
    77
    Discussioni
    18
    Like ricevuti
    2
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Tartarughe in possesso

    Nessuno,in cerca...

    Predefinito Re: Tartaruga terrestre allevata tutto l'anno in terrario?

    grazie a tutti per i consigli.mi date una risposta a quello che vi sto per dire?una tartaruga in natura ha il suo abitat fisso cioŔ stanziale, sempre in quella fascia di territorio oppure oggi qui domani lý e quindi adattarsi ai vari territori?vorrei capire come si adattano nei nostri terrari e se soffrono?

  2. #17
    Maniaco
    L'avatar di lucio78
    LocalitÓ
    Marche
    Sesso
    Messaggi
    5,186
    Discussioni
    36
    Like ricevuti
    2117
    Data Registrazione
    May 2012
    Tartarughe in possesso

    Testudo hermanni hermanni

    Predefinito Re: Tartaruga terrestre allevata tutto l'anno in terrario?

    Citazione Originariamente Scritto da rag¨ Visualizza Messaggio
    grazie a tutti per i consigli.mi date una risposta a quello che vi sto per dire?una tartaruga in natura ha il suo abitat fisso cioŔ stanziale, sempre in quella fascia di territorio oppure oggi qui domani lý e quindi adattarsi ai vari territori?vorrei capire come si adattano nei nostri terrari e se soffrono?
    Quesiti interessanti che toccano un argomento, che spesso viene tralasciato, con davvero tanti ma tanti risvolti.
    In sintesi ogni specie di tartaruga in natura ha il suo ambiente ed il suo habitat, questo Ŕ spesso a sua volta costituito da diverse zone ognuna con proprie caratteristiche, ogni gruppo che vive al suo interno ha con il tempo nel corso dei secoli tramite una forma di adattamento all'ambiente (o in alcuni casi una sorta di evoluzione) assunto caratteristiche estetiche(e non solo) proprie anche piccoli particolari che lo rendono ad oggi un vero e proprio fenotipo ed in alcuni casi addirittura una sottospecie o specie a sŔ stante.
    NŔ sono testimonianza i tantissimi fenotipi presenti nel nostro territorio della nostrana Testudo hermanni cosý come quelli presenti nell'area dei balcani e d'intorni dell'altra sottospecie Testudo boettgeri.
    Le tartarughe sono in generale animali territoriali anche se negli anni spesso si spostano anche per diversi chimoletri.
    Studi effettuati ad esempio hanno dimostrato come in natura esemplari femmina di Testudo hermanni ogni anno depongano spesso nella medesima zona.
    Le tartarughe terrestri mediterranee pur essendo allevate all'aperto in un ampio spazio per quanto grande questo possa essere e si possa arrivare a considerarle in semi-libertÓ vivono sempre e comunque in cattivitÓ.
    La libertÓ e le condizioni in natura per quanto si tenti di ricrearle resta davvero difficile anche solo avvicinarsi ad esse. Sicuramente con uno spazio adeguato con un giusto numero di esemplari ed rapporto maschi/femmine ideale Ŕ possibile offrire condizioni di vita sicuramente buone e comunque accettabili.
    Per le tartarughe esotiche e comunque per tutte le specie di tartarughe che alle nostre latitudini si Ŕ costretti ad allevare all'interno di terrari o piccoli ambienti/stanze attrezzate per la maggior parte dell'anno ci sono specie che pi¨ si adattano rispetto ad altre ad essere allevate in terrario o comunque al chiuso.
    Certo che parlare di "adattarsi" Ŕ un concetto troppo ampio rispetto alla realtÓ, termine come "sopravvivere" forse potrebbe essere pi¨ adeguato se si pensa a come vivono esemplari wild nel loro habitat originario ed allo spazio che hanno a disposizione ma in questo discorso in fin dei conti rientrano senza dubbio anche tutte le altre specie di tarta mediterranee.
    Quindi la veritÓ Ŕ che ci sono fior fiori di allevatori di specie esotiche che le allevano in modo impeccabile con ottimi risultati offrendo il maggior spazio possibile e tutto il necessario agli esemplari e riproducendo con grande successo anche specie molto difficili da riprodurre.
    E' grazie a quest'ultimi ma in veritÓ a tutti gli allevatori di tarta e non solo se si pu˛ affermare che le tante specie in pericolo di estinzione oggi sono sicuramente al sicuro.
    Personalmente in conclusione tarta mediterranee e tarta esotiche possono essere sicuramente allevate con ottimi risultati offrendo le migliori condizioni possibili ma sono e resteranno sempre e comunque animali selvatici che pur "adattandosi" e sopravvivendo in ambienti "artificiali" e/o "artificiosi" avrebbero il diritto di poter vivere degnamente e tranquillamente nel loro habit di origine. E' qui che subentra il dovere di tutti noi di rispettarle e contribuire che tutto questo possa avvenire. Sogno o chimera chi pu˛ dirlo?
    Aggiungo scusatemi e perdonatemi per i concetti e termini semplici o poco corretti utilizzati ma non sono nŔ un erpertologo, studioso o quant'altro ma un semplice appassionato ed allevatore niente pi¨.
    Ultima modifica di lucio78; 28-02-2014 alle 10:48
    rag¨, Acquarion, selli and 4 others like this.
    Alla fine la veritÓ Ŕ che questi piccoli animali ôsolo se riesci a conoscerli riesci anche ad amarliö.
    Le tartarughe ci insegnano "andiamo piano, non serve correre basta solo partire in tempo" !!!!

    http://i.imgur.com/G15sNzq.png?1
    Lucio78

  3. #18
    Appassionato
    L'avatar di tarta3
    LocalitÓ
    Veneto
    Sesso
    Messaggi
    399
    Discussioni
    20
    Like ricevuti
    353
    Data Registrazione
    Jun 2013
    Tartarughe in possesso

    2

    Predefinito Re: Tartaruga terrestre allevata tutto l'anno in terrario?

    Beh.... direi che come appassionato non sei niente male e credo che tu abbia rubato le parole di bocca a molti di noi; in effetti questi semplici ma poco trattati argomenti a volte Ŕ bene ribadirli e sono assolutamente d'accordo con te, basta guardare i fenotipi di HH che abbiamo in Italia e che si sono via via nel tempo sempre pi¨ differenziatisi proprio a causa ,o grazie, alle barriere naturali che non hanno permesso che popolazioni diverse di incontrassero tra di loro, che possiamo capire molto sulle loro abitudini.
    Mi permetto inoltre di appoggiare in pieno il concetto di sopravvivenza che hai ben evidenziato e che purtroppo dobbiamo rassegnarci ad accettare.
    Molti di noi offrono alle tarte, soprattutto esotiche, le migliori condizioni che possono ricreare,con un habit simile al naturale, e per questo non possono che essere degni di ammirazione, sia per il tempo che per l'impegno economico che ci mettono, ma purtroppo dobbiamo accettare il fatto che una nostra passione , se vista dalla parte delle tarte non Ŕ altro che una forma di egoismo.
    Non vogliatemene nessuno, io per primo mi considero tale nel cercare di allevare tarte che provengono da areali lontani migliaia di Km in una terra ben diversa e in condizioni troppo lontane in ogni caso da quelle nelle quali la natura le ha volute introdurre originariamente.
    Fermiamoci quanto pi¨ spesso possiamo ad osservare i nostri animali e spesso saranno loro stessi a farci capire di cosa hanno realmente bisogno.
    Grande Lucio!
    Enzo
    Andrea D, selli, lucio78 and 1 others like this.

  4. #19
    Simpatizzante
    L'avatar di rag¨
    LocalitÓ
    cosenza
    Sesso
    Messaggi
    77
    Discussioni
    18
    Like ricevuti
    2
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Tartarughe in possesso

    Nessuno,in cerca...

    Predefinito Re: Tartaruga terrestre allevata tutto l'anno in terrario?

    Citazione Originariamente Scritto da tarta3 Visualizza Messaggio
    Beh.... direi che come appassionato non sei niente male e credo che tu abbia rubato le parole di bocca a molti di noi; in effetti questi semplici ma poco trattati argomenti a volte Ŕ bene ribadirli e sono assolutamente d'accordo con te, basta guardare i fenotipi di HH che abbiamo in Italia e che si sono via via nel tempo sempre pi¨ differenziatisi proprio a causa ,o grazie, alle barriere naturali che non hanno permesso che popolazioni diverse di incontrassero tra di loro, che possiamo capire molto sulle loro abitudini.
    Mi permetto inoltre di appoggiare in pieno il concetto di sopravvivenza che hai ben evidenziato e che purtroppo dobbiamo rassegnarci ad accettare.
    Molti di noi offrono alle tarte, soprattutto esotiche, le migliori condizioni che possono ricreare,con un habit simile al naturale, e per questo non possono che essere degni di ammirazione, sia per il tempo che per l'impegno economico che ci mettono, ma purtroppo dobbiamo accettare il fatto che una nostra passione , se vista dalla parte delle tarte non Ŕ altro che una forma di egoismo.
    Non vogliatemene nessuno, io per primo mi considero tale nel cercare di allevare tarte che provengono da areali lontani migliaia di Km in una terra ben diversa e in condizioni troppo lontane in ogni caso da quelle nelle quali la natura le ha volute introdurre originariamente.
    Fermiamoci quanto pi¨ spesso possiamo ad osservare i nostri animali e spesso saranno loro stessi a farci capire di cosa hanno realmente bisogno.
    Grande Lucio!
    Enzo
    Anche se la discussione Ŕ un p˛ datata rispondo solo ora, riguardo all'ultima frase che hai scritto che ho evidenziato in neretto ti rispondono che:
    VOGLIONO SOLO IL LORO HABITAT E LA LORO VITA!!!



Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •