Benvenuto su Tartarugando, il forum tematico specializzato nell'allevamento di tartarughe e di altri rettili.
REGISTRATI per entrare a far parte della nostra community! Ti aspettiamo!
  • Tartarugando Home Page

    Di Pubblicato il 16-11-2012 13:00
    1. Categorie:
    2. Tartarughe Mediterranee,
    3. Tartarughe Asiatiche,
    4. Tartarughe Nordamericane
    content/attachments/10119-testudo-hermanni-letargo.jpg.html

    Le tartarughe, così come i rettili in generale, sono animali ectotermi (o eterotermi) regolano cioè la loro temperatura corporea in base ai valori della temperatura esterna. Ciò fa si che da essa dipenda anche la normale attività di tutti gli organi ed apparati dell’organismo. ...
    Di Pubblicato il 28-09-2014 11:37
    content/attachments/13871-titolo.jpg.html

    A Cupulatta.
    Semplicemente la traduzione in dialetto corso del termine "tartaruga".
    Il sottotitolo è già evocativo: "la città delle tartarughe".
    Questo centro, unico in Europa, si trova ad una ventina di chilometri a nordest rispetto ad Ajaccio, sulla RN 193, direzione Corte.

    ...
    Di Pubblicato il 26-04-2014 08:27
    content/attachments/13430-piante-tartarughe-terrestri.jpg.html

    Le piante sono un elemento importante per il benessere delle nostre tartarughe, infatti, oltre a costituire la base della loro alimentazione, la loro presenza nei recinti e nei terrari ha l'ulteriore e importante funzione di fungere da riparo e rifugio per loro, entrambi essenziali per evitare a questi placidi animali eccessivi "stress da spazio aperto". ...
    Di Pubblicato il 31-03-2011 13:42
    content/attachments/1298-morso-di-ratto.jpg.html

    Resoconto delle principali malattie che colpiscono le tartarughe. Le patologie appaiono suddivise per organi e/o apparati e la scheda comprende una schematica descrizione delle cause più frequenti, della sintomatologia associata e le indicazioni al primo soccorso per gli esemplari affetti.

    ...
    Di Pubblicato il 11-11-2010 10:40
    1. Categorie:
    2. Tartarughe Mediterranee
    content/attachments/574-testudo-hermanni-pascolo.jpg.html

    Area di distribuzione
    Testudo hermanni è diffusa in Europa. Si divide in due sottospecie, Testudo hermanni hermanni (Thh) e Testudo hermanni boettgeri (Thb). La prima è diffusa in Europa occidentale (Spagna, Francia e Italia), la seconda in Europa orientale (paesi dell’ex Jugoslavia, Albania, Grecia, Bulgaria, Romania e Turchia occidentale).
    ...
    Di Pubblicato il 08-12-2010 23:50
    1. Categorie:
    2. Tartarughe Sudamericane
    content/attachments/688-carbonaria-testa.jpg.html

    Area di distribuzione
    C. carbonaria è diffusa in Sud America da Panama al Nord Argentina ed è stata introdotta in alcune isole Caraibiche.


    ...
    Di Pubblicato il 16-11-2013 16:27
    1. Categorie:
    2. Tartarughe Nordamericane
    content/attachments/12640-ruud13_07_07-1-.jpg.html

    La Pseudemys concinna, o River Cooter negli Stati Uniti da dove la specie ha origine, è una tartaruga acquatica un po’ meno diffusa in commercio in Italia e nel mondo rispetto ad altre, per via delle dimensioni maggiori che può raggiungere da adulta.
    ...
    Di Pubblicato il 22-02-2011 01:09
    1. Categorie:
    2. Tartarughe Nordamericane
    content/attachments/887-clemmys-guttata.jpg.html

    Clemmys guttata è una delle tartarughe acquatiche nordamericane più ricercate.
    Il suo aspetto affascinante unito alle dimensioni contenute ed alla possibilità di poter svernare all’aperto la rende molto ambita dagli allevatori.
    ...
    Di Pubblicato il 14-11-2010 10:21
    1. Categorie:
    2. Tartarughe Asiatiche
    content/attachments/7515-geochelone-elegans.jpg.html

    Area di distribuzione
    G. elegans è diffusa in tutta la penisola indiana, Sri Lanka e alcune zone del Pakistan. Habitat soggetto a stagioni secche alternate a stagioni piovose.
    ...
    Di Pubblicato il 28-11-2013 00:18
    content/attachments/12782-1.jpg.html

    La speratura è un'operazione che consente di verificare se l'uovo è fertile e di osservare il suo sviluppo durante il processo di incubazione.
    Nel caso delle uova di tartaruga, che non vanno assolutamente spostate o girate, se non per poche ore immediatamente dopo la deposizione e solo per il trasporto fino all'incubatrice, useremo una piccola torcia a led, poggiata sul guscio dell'uovo, in un ambiente buio. ...
    Di Pubblicato il 23-11-2013 15:23
    content/attachments/12824-titolo.jpg.html

    In questo articolo vedremo quali sono gli schemi di filtrazione più adatti ad essere adottati con le tartarughe: esse infatti sporcano parecchio di più dei pesci e il convenzionale sistema “adatto per acquari fino a X litri” non può essere adottato.
    Il sovradimensionamento di un filtro è sempre auspicabile, ma fino a che punto? Siamo davvero costretti a comprare filtri di fascia alta per avere un’acqua pulita?
    ...
    Di Pubblicato il 25-02-2014 21:24
    content/attachments/13183-2858181.jpg.html

    Per i rettili, la luce solare è vita. I rettili sono letteralmente alimentati dalla luce solare; ogni aspetto delle loro vite è governato dalla loro interazione con la luce solare ed il relativo calore, o con i corrispondenti equivalenti artificiali nel caso siano alloggiati in casa. Un’accurata ed adeguata illuminazione è quindi essenziale per avere un rettile in buona salute in cattività.
    ...
    Di Pubblicato il 22-02-2012 00:18
    1. Categorie:
    2. Tartarughe Asiatiche
    content/attachments/7698-cuora-flavomarginata-358.jpg.html

    Questa bellissima specie appartiene al gruppo delle tartarughe a scatola di provenienza asiatica ed è stata inizialmente importata negli Stati Uniti da Taiwan. Attualmente le importazioni sono diminuite grazie alla buona capacità di adattamento ai nostri climi che permette a questa specie di riprodursi in cattività se le condizioni di allevamento risultano ottimali.


    ...
    Di Pubblicato il 19-11-2011 12:00
    1. Categorie:
    2. Tartarughe Nordamericane
    content/attachments/7556-odoratus-egg.jpg.html

    Sternotherus odoratus è una specie robusta adatta ad essere allevata, con le dovute accortezze, anche dai neofiti.
    Grazie alla sua adattabilità ai nostri climi è possibile allevarla all'aperto tutto l'anno.



    ...
    Di
    Ugo
    Pubblicato il 28-05-2013 16:50
    1. Categorie:
    2. Camaleonti
    content/attachments/11603-camaleonte-calyptratus.jpg.html

    Origine e area di distribuzione
    Abbiamo due sottospecie di calyptratus: il calyptratus calyptratus e il calyptratus calcarifer. Il Chamaleo calyptratus calyptratus è originario dello Yemen; il Chamaeleo calyptratus calcarifer dell’Arabia Saudita.
    ...
    Di Pubblicato il 09-11-2011 19:43
    1. Categorie:
    2. Camaleonti
    content/attachments/6728-calippo.jpg.html

    Struttura:
    Per realizzare un buon camaleontario, lo stesso deve essere sviluppato in verticale (essendo il camaleonte un sauro arboricolo) e soprattutto deve essere in rete.
    La rete permette che non ristagni C02 e che ci sia un buon ricircolo d'aria, cosa di cui l'animale ha un particolare bisogno. ...
    Di Pubblicato il 24-12-2011 01:12
    content/attachments/7223-1.jpg.html

    Quando è iniziata la storia delle tartarughe? Come hanno sviluppato tutte le caratteristiche morfo-fisiologiche che le rendono uniche tra i vertebrati? E chi sono stati i loro antenati? Cerchiamo di fare un po’ di ordine.
    Il più antico reperto fossile sinora ritrovato risale a circa 220 milioni di anni fa, è uno scheletro di Odontochelys semitestacea, una specie di tartaruga primitiva che viveva nel mare e le cui caratteristiche principali, che la differenziano dalle attuali tartarughe, erano che aveva i denti sia sulla mascella superiore che su quella inferiore, e che era provvista del solo piastrone. ...
    Di Pubblicato il 27-12-2012 00:15
    1. Categorie:
    2. Sauri
    content/attachments/10312-sauromalus-hispidus.jpg.html

    I Sauromalus hispidus (Angel Island Chuckwalla) si possono trovare nell’isola “Isla Angel de la Guardia” (Baja California, Messico) e nelle isole limitrofe. Raggiungono i 60 cm di lunghezza per 1,5 kg di peso.
    Clima desertico o semi desertico caratterizzato da rocce, pietre e cactus. Non mancano aree sabbiose sfruttate dalle femmine per la deposizione. Forte escursione termica giornaliera. ...
    Di Pubblicato il 10-02-2011 23:00
    1. Categorie:
    2. Tartarughe Africane
    content/attachments/865-kinixys-belliana-zombensis.jpg.html

    Le tartarughe appartenenti a questo genere hanno sviluppato un adattamento che le rende uniche fra i cheloni. Queste testuggini, ad eccezione di K.natalensis, posseggono una cerniera cartilaginea che sostituisce la sutura delle placche ossee al di sotto degli scuti.
    ...
    Di Pubblicato il 01-05-2012 00:02
    1. Categorie:
    2. Tartarughe Asiatiche
    content/attachments/8199-immagine-307.jpg.html

    Questa specie è stata descritta per la prima volta da John Edward Grey nel 1844 e denominata Testudo horsfieldii. Più di un secolo dopo Khozatsky e Mylnarski (1966) suggerirono di rimuovere tale specie dal genere Testudo includendola in un genere proprio dal nome Agrionemys. Questi autori ritenevano che alcune delle caratteristiche morfologiche primitive di questa specie la distinguessero dal resto degli esemplari conosciuti di Testudo, sia fossili che viventi. ...
    Di Pubblicato il 28-12-2010 12:13
    1. Categorie:
    2. Tartarughe Mediterranee
    content/attachments/701-tgi2.jpg.html

    La Testuggine greca è un rettile appartenente all’ordine dei Cheloni. Dato il grande areale è presente in svariatissimi habitat e zone bioclimatiche, dal livello del mare fino a quote di 2.000 metri. Animale allevato in cattività da epoche lontanissime, commerciato per la carne ed ora sterminato da pesticidi, agricoltura meccanizzata, scomparsa e degradazione dell’habitat e cattura illegale.
    ...
    Di Pubblicato il 04-01-2011 12:26
    1. Categorie:
    2. Tartarughe Mediterranee
    content/attachments/611-testudo-ibera-cappadocia.jpg.html

    Secondo le ultime revisioni tassonomiche, il genere Testudo comprende 17 sottospecie, una di queste è Testudo graeca ibera, conosciuta anche come Tartaruga Euroasiatica. Il nome “ibera” si riferisce all’Iberia Caucasica ed era la denominazione usata dagli antichi Greci e dai Romani per indicare quella che oggi è la parte orientale e meridionale della Georgia.
    ...